Tecnologia – Internet e Wi-Fi Dall’Acqua del Rubinetto dal 2020 Sarà Realtà

loading...

Quello che un tempo sembrava essere fantascienza sta per diventare realtà: sfruttare l’acqua dei rubinetti per trasmettere connessione ad Internet.Tutti gli utenti che abbiamo un contratto attivo per l’erogazione dell’acqua potranno navigare a velocità 5 volte maggiori delle attuali in fibra ottica.I test di conduttività del segnale portante hanno dimostrato che possono essere superati tutti i limiti dati attualmente dalla rete via cavo (disturbo,dispersione e distanza dalla centrale) che limitano le velocità attuali.

Fonte: Huffingtonpost.it

I ricercatori dell’ateneo statunitense stanno approntando un piano per cablare le vie marine e l’oceano, così da rendere possibile il collegamento di sistemi wi-fi anche in mare aperto, o nei laghi. Il piano prevede l’installazione di sensori sott’acqua, in modo che chiunque dal suo dispositivo possa agganciare la rete e ricevere/inviare dati. Ma più che all’uso privato e personale, i ricercatori puntano ad adoperare la rete diffusa anche sotto il livello del mare per prevedere, per quanto possibile, tsunami e ondate improvvise. Il cablaggio del fondale può aiutare a monitorare con frequenza pressoché quotidiana anche l’inquinamento dell’acqua, oltre alla presenza di gas naturale, e segnalare tutto senza fili agli enti preposti ai controlli.

In questa foto un ingegnere di Samsung mentre incapsula un trasmettitore Wifi

Wifi Mare

Con la stessa tecnica, e con gli opportuni adattamenti dei ricercatori giapponesi di Samsung,leader nello sviluppo di tecnologie di trasmissione,è stata testata tramite l’utilizzo di trasmettitori ionici la conduttività dell’acqua a trasmettere onde radio sulla  frequenza delle reti Wifi Attuali e su nuove frequenze per permettere il collegamento ad Internet di tutto il pianeta.. Addirittura sarà possibile arrivare fino a 20 Ghz utilizzando l’acqua come filtrante naturale dalle interferenze radio che attualmente sono i dispositivi che utilizzano l’etere.

Wifi2

In questa foto tecnici a lavoro sull’ultimo tratto in fibra che si immette nelle acque

Wifi3

Le velocità partiranno da un minimo 50 MBit/s fino a raggiungere i 500 Mbit/s che prescindono da verifiche tecniche in quanto fattori come pressione e purezza dell’acqua possono pregiudicare la velocità di connessione

L’utente finale sarà dotato di una idroderivazione ottica finale in aggiunta all’ingresso del tubo di carico del proprio acquedotto.

Sfruttando la capillarità degli acquedotti la copertura sarà totale ,l’erogazione del servizio abbatterà defiitivamente il tanto odiato Digital Divide :

Il digital divide, o divario digitale[1], è il divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell’informazione (in particolare personal computer e internet) e chi ne è escluso, in modo parziale o totale. I motivi di esclusione comprendono diverse variabili: condizioni economiche, livello d’istruzione, qualità delle infrastrutture, differenze di età o di sesso, appartenenza a diversi gruppi etnici, provenienza geografica

Pensate che in Italia ci sono utenti ancora collegati con modem analogico 56k che in pratica non possono quasi più fruire della navigazione internet.

Ovviamente il requisito principale sarà che l’abitazione sia servita dall’acquedotto cittadino!

Tecnologia – Internet e Wi-Fi Dall’Acqua del Rubinetto dal 2020 Sarà Realtà ultima modifica: 2016-09-14T08:37:52+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*